LA SEBORREA

La seborrea è un problema dermatologico caratterizzato dalla presenza di uno sfogo cutaneo rosso e pruriginoso associato a scagliette bianche localizzate per lo più sul petto, attorno all’ombelico, a livello delle pieghe cutanee (ad esempio sotto al seno o all’inguine), sui glutei o anche sul volto. Può colpire anche il cuoio capelluto, prendendo quindi il nome di forfora. Più comune negli uomini che nelle donne, può colpire a qualsiasi età. Nei bambini piccoli può presentarsi sotto forma di crosta lattea o di eritema da pannolino. È inoltre più frequente in chi ha la pelle grassa, nei pazienti con Parkinson e in quelli con AIDS. La causa della sua comparsa rimane quasi sempre un mistero. L’ipotesi è che siano più fattori, come lo stress e gli ormoni, a interagire portando al suo sviluppo.


QUALI MALATTIE SI POSSONO ASSOCIARE ALLA SEBORREA?


Le patologie che si possono associare a seborrea sono le seguenti:

  • Acromegalia

  • Sindrome dell’ovaio policistico

Si ricorda che questo non è un elenco esaustivo e che sarebbe sempre meglio consultare il proprio medico di fiducia in caso di persistenza dei sintomi.


QUALI SONO I RIMEDI CONTRO LA SEBORREA?

In caso di seborrea è molto importante curare l’igiene personale. La pelle deve essere mantenuta idratata e morbida, in modo da favorire l’eliminazione delle scaglie. Da questo punto di vista può essere utile l’applicazione di oli durante la notte (va bene anche quello d’oliva), lavandoli poi via al mattino con un detergente. In caso di forfora, ad esempio, è utile utilizzare shampoo pensati appositamente per ridurre il problema. Nel resto del corpo possono essere utilizzati prodotti specifici, ad esempio saponi a base di zinco. Il medico potrebbe anche suggerire l’assunzione per via orale di farmaci specifici o l’applicazione di prodotti ad uso topico a base di steroidi, di antimicotici o di acido salicilico. Non è poi da escludere che sia necessario assumere farmaci per far fronte a problemi specifici associati alla seborrea, ad esempio la sindrome dell’ovaio policistico, o a base di principi attivi in grado di ridurre l’attività delle ghiandole sebacee.

1 visualizzazione0 commenti